“Non c’è niente di misterioso per un marinaio se non il mare stesso, che è padrone della sua esistenza e imperscrutabile come il destino”. Ha letto “Cuore di tenebra” tutto d’un fiato e Joseph Conrad ora è il suo eroe. Lo definiscono uno dei maggiori scrittori del Novecento inglese, ma per lui questo conta solo in minima parte. Conrad ha vissuto il mare come nessun altro: ecco ciò che agli occhi del ragazzo lo eleva ad esempio. È stato persino naufrago in balia di acque ostili, poco inclini alla compassione. “Quale pensiero - si chiede il giovane - lo ha tenuto ancorato alla vita? Forse il miraggio di un’isola che non c’è? Quella stessa isola accecante nel suo splendore che ogni notte mi chiama in sogno offrendomi il conforto della sua baia?”. E che ogni notte, ormai da anni, il ragazzo raggiunge a nuoto con la sola forza di gambe e braccia. Indossa sempre il suo costume preferito, lo slip Ischia Sk1 con fodera anallergica di Baia30remi. Ed è qui che il sogno coincide con la realtà. Quel costume è infatti la sua seconda pelle. Così come gli ironici teschi che ne sono il decoro hanno per lui il valore di portafortuna, irrinunciabili compagni di avventura di una nuova estate. Ora è l’alba e la prima luce ha dissolto l’incanto onirico sostituendolo con un languore diurno ancora in fieri. Rannicchiati sottocoperta i suoi amici, felici e ignari, si lasciano cullare dalle braccia di Morfeo. Il ragazzo sente il richiamo del mare. Sa che è giunto il momento. Deve cogliere l’attimo. “C’è un’isola che non c’è per ogni bambino” ripeteva alla stregua di mantra sua sorella citando l’irriverente Peter Pan, idolo intramontabile. “C’è un’isola che non c’è per chiunque voglia trovarla” sussurra il ragazzo. E senza pensarci due volte, senza neppure togliere la t-shirt Nisida firmata Baia30 remi - Il suo unico vezzo? Il taschino coordinato alla fantasia del costume, una piccola vanità che è impronta di stile – si tuffa dal punto più alto della barca. Si fa mare. E in quella parentesi tra giorno e notte che dell’estate rappresenta il racconto più sincero diventa parte del suo stesso mistero.